Family Game

Recensione “Barkolana”

Salve ragazzi, oggi recensiremo “Barkolana” un gioco roll and move (evoluzione del classico gioco dell’oca) dedicato alla storica regata velica internazionale che si tiene ogni anno nel Golfo di Trieste.

Parliamo di alcuni dettagli:

INFORMAZIONI SUL GIOCO

Età : 6+

Numero giocatori: 2 – 6

Tempo indicativo: 20-120 min.

Ideazione di Diego Manna e Erika Ronchin.

Edito dalla Bora.la/Monon Behavior

In collaborazione con Barcolana

BIOGRAFIA DEGLI AUTORI

Diego Manna nato a Trieste il 4 marzo 1979. Biologo, applica metodo e linguaggio scientifico allo studio delle peculiarità triestine,pubblicando la divertente trilogia Monon Behavior. Dalla sua passione per i viaggi in bici nascono poi le tre ciclomaldobrie in dialetto triestino, Zinque bici, do veci e una galina con do teste, Polska…rivemo! (vincitore del secondo premio nazionale per la letteratura dialettale 2014) e Zinque bici e un amaro Montenegro (2015). Passa poi alla lingua italiana., con L’osmiza sul mare, vincitore del premio speciale Maestro Nicola Nania al Premio Letterario Internazionale “Un libro nel borgo” 2017. L’animo giocoso trova infine spazio in FRICO, gioco culturale di campanilismo ironico tra Trieste e Udine.

Erika Ronchin, nata a Trieste il 27 aprile 1979.

Geologa, riceve il premio straordinario di master 2008-2009 all’Università’ di Barcellona. Quotidianamente ricercatrice all’ università di Uppsala, divulgatrice e vulcanologa giramondo Vive in molti posti differenti di cui si appassiona e abbraccia la cultura. Viaggiatrice per passione e per lavoro, ma con salde radici a Trieste. Affianca la carriera accademica all’amore per le sue terre e all’interesse per l’arte e il disegno. Oltre ad aver realizzato FRICO, il gioco per il dominio del Friuli Venezia Giulia, collabora alla serie Monon Behavior e alle pubblicazioni Bora.la curandone la grafica. Il suo entusiasmo per le imprese bizzarre e la voglia di condividerle con gli altri la porta ad essere tra gli organizzatori dell’Olimpiade delle Clanfe e della Rampigada Santa di cui è anche l’Art Director.

CONTENUTO DEL GIOCO

  • Un regolamento
  • 1 tabellone
  • 6 barchette a vela
  • 1 dado
  • 1 bottega velica
  • 1 rosa dei venti
  • 30 items (in triestino strafanici)
  • 30 bori
  • 1 sacchetto extra per gli items

SCOPO DEL GIOCO

Vincere la competizione arrivando o superando con la propria barca a vela l’ultima casella (50).

PREPARAZIONE

  1. Posizionate il tabellone al centro del tavolo.
  2. Scegliete una barchetta del vostro colore preferito è posizionatela nel lembo di mare al centro del percorso.
  3. Posizionate la bottega velica e gli item negli appositi spazi, la rosa dei venti e formate una pila di bori.
  4. Tirate il dado per decretare il primo giocatore (il turno di gioco seguirà in senso orario).

SVOLGIMENTO DEL GIOCO

Il primo giocatore ha il compito di ruotare la rosa dei venti per stabilire il meteo del round, si sa il il vento è un fattore molto importante quando si sta in mare aperto.

La ruota è formata da 4 caselle:

  • La bora che rende le caselle blu a favore di vento e quelle gialle contro vento.
  • Lo scirocco che determina l’effetto inverso.
  • La bonaccia (assenza di vento, per noi comuni mortali), tutte le barche hanno un malus di -1 al dado.
  • La bora scura, secondo la quale tutti i giocatori perdono o tutti i bori o un item a loro scelta.

A inizio round ogni giocatore riceve un boro (la moneta del gioco) con il quale potrà effettuare acquisti nella bottega velica, ne parleremo successivamente, ottenibili anche superando delle prove indicate sulle caselle, ma attenzione il numero di bori che un giocatore può portare con sé sulla barca è di 5.

Successivamente, come un classico roll and move il giocatore lancia il dado, avanza sul tabellone del numero di caselle pari al numero uscito sul dado e esegue le iscrizioni della casella d’arrivo; se il risultato del dado è 6 puro non con modificatori (+1), il giocatore può decidere se rimanere fermo un turno e guadagnare due bori non eseguendo le istruzioni della sesta casella o avanzare eseguendo le indicazioni; ma con la particolarità se vuole, di effettuare acquisti alla bottega velica come detto precedentemente, nella bottega il giocatore troverà 10 items e per ognuno di esso diverse informazioni tra cui: il nome, l’utilità, il prezzo di acquisto e il prezzo di riciclo (Se un item non ti serve più puoi rivenderlo).

Come i bori gli item pesano quindi non ne puoi portare sulla tua barca più di 3 e non ne puoi avere dello stesso tipo sulla barca.

CONCLUSIONE DEL GIOCO

Il gioco termina quando tutte le barche hanno raggiunto perfettamente o superato la casella d’arrivo 50 (numero delle edizioni della Barcolana). Ovviamente il giocatore arrivato per primo a tale casella è il vincitore della partita!

CONSIDERAZIONI

Gioco in apparenza banale, che si rivela essere un buon introduttivo e un buon family game. Implementa al classico gioco roll and move delle buone meccaniche di gioco che migliorano nettamente l’esperienza di gioco.

A noi della redazione è piaciuta davvero molto l’implementazione della rosa dei venti per determinare le condizioni meteo dei singoli round e la bottega velica che ha attenuato un pò l’alea caratterizzante di questo genere di titoli oltre alle numerose prove che danno un tocco di sventatezza alla partita. Sarebbe stato meglio a mio parere se il gioco non terminasse quando tutte le barche hanno raggiunto perfettamente o superato la casella d’arrivo 50, ma quando un giocatore ha raggiunto perfettamente la casella con il lancio del dado, in caso contrario sarebbe indietreggiato di un numero di caselle pari al numero del dado.

Una pecca negativa del gioco è l’indicazione sbagliata a mio parere che viene data ai giocatori cioè la tempistica del gioco. Una partita a Barkolana dura all’incirca una mezz’oretta, mentre sulla scatola vi è riportata una durata minima di 20 minuti ed una massima di 120, noi crediamo che una partita da 120 minuti sia troppo, anche perché potrebbe scoraggiare chi preferisce giochi rapidi. Barkolana è senza dubbio un gioco di questo tipo, facile da imparare e veloce da giocare.

In conclusione Barkolana è un gioco intuitivo e immediato con dietro una buona grafica, una buona qualità dei materiali e un bel rifornimento di termini tecnici triestini.

Lo consigliamo a quei giocatori che amano divertirsi senza una grossa concentrazione, e perchè no a chi vuole imparare qualcosa di nuovo sulle regate veliche e su Trieste.

L’ ESPANSIONE

Vi segnaliamo anche l’esistenza dell’ espansione “ Mati per Barkolana “ cioè “Personaggi per Barkolana”.

L’espansione necessita del gioco base (ma può essere giocata anche come un semplice memory) e contiene un mazzo di 36 carte (4 carte regolamento e 32 carte personaggio) rappresentanti i diversi personaggi.

Ogni carta personaggio potrà essere acquistate nel gioco vicino alla bottega velica al costo di 3 bori, equipaggiata rappresenta un membro dell’equipaggio e migliora la propria barca durante la regata della Barkolana.

Ma attenzione l’equipaggio pesa, potrete avere un massimo di 2 carte personaggio a bordo

L’effetto della carta sta scritto sulla carta stessa e potrà essere usata dal round successivo dall’acquisto.

Le carte possono essere di due tipi e colori:

  • TIENI (Gialle): Il loro effetto è permanente finchè non si decide di scartarlo o finchè qualcuno non le ruba.
  • SCARTA (Blu): Funzionano una sola volta e vanno utilizzate immediatamente e poi scartate.

Questa espansione a tutti noi è davvero piaciuta perchè dà al gioco quel tocco di casualità e dinamicità in più.

Con questo è davvero tutto ringrazio ancora una volta Diego e Erika che mi hanno dato la possibilità di provare il gioco.

Angelo Greco

Passione Giochi Da Tavolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *