Recensione

"Le strade d'inchiostro"

“Buongiorno e benvenuti sul Railroad Ink! Alla vostra destra potete scorgere un bel fiume che a breve si immetterà in un lago, in lontananza un Vulcano che sta eruttando inondando di lava la strada sottostante, e se guardate in alto vedrete un meteorite che ci sfiorerà! Buon Viaggio”. Questo potrebbe essere un ipotetico annuncio di un capotreno se davvero viaggiassimo su una delle tante reti ferroviarie che disegneremo ne LE STRADE D’INCHIOSTRO!



INFORMAZIONI DI GIOCO


LE STRADE D’INCHIOSTRO è un gioco di Hjalmar Hach e Lorenzo Silva, illustrato da Marta Tranquilli, da 1 a 6 giocatori (anche se virtualmente i giocatori possono essere infiniti), da 8 anni in su, per una durata di circa 20 min a partita. Gioco della Horrible Games ed edito in Italia dalla Ghenos Games. Precisiamo subito che ne sono disponibili due versioni: Blu Profondo e Rosso Fiammante.


Le due edizioni


CONTENUTO DEL GIOCO


Apriamo subito questo piccolo scrigno per vedere cosa c’è al suo interno:

-1 regolamento

-4 dadi percorso

-4 dadi espansione (2 fiume e 2 lago nella versione blu, 2 vulcano e 2 meteora in quella rossa)

-6 schede lavagnetta

-6 pennarelli cancellabili


Componenti di gioco


SCOPO DEL GIOCO


Lo scopo del gioco è fare più punti possibili, collegando correttamente diverse uscite con strade e ferrovie in percorsi più lunghi possibili, evitando vari “errori di progettazione”!



PREPARAZIONE DEL GIOCO


Non c’è niente di più rapido e semplice che preparare il setup di Le strade d’inchiostro: poniamo al centro del tavolo i 4 dadi percorso, poi ogni giocatore prende una scheda e un pennarello. Fine. Siamo già pronti a iniziare!

L'edizione " rosso fiammante "


SVOLGIMENTO DEL GIOCO


All’inizio di ogni round di gioco un giocatore qualsiasi lancia i 4 dadi percorso e li posiziona ben visibili da tutti al centro del tavolo. Ora ognuno deve disegnare tutti i percorsi presenti sui dadi con l’obbligo di partire dalle uscite presenti sulla scheda oppure collegandoli a un percorso disegnato in precedenza. I dadi di dividono in 2 tipologie:

-3 dadi mostrano sulle loro facce 6 tipi di percorso (strada dritta, strada curva, strada con incrocio a T, ferrovia dritta, ferrovia curva, ferrovia con incrocio a T);

-1 dado mostra sulle sue facce 3 tipi di percorso (cavalcavia, stazione in rettilineo, stazione in curva).

Le stazioni permettono di connettere un percorso stradale con un percorso ferroviario, mentre il cavalcavia permette di fare incrociare una strada e una ferrovia senza che essi si connettano.

Quando ogni giocatore ha finito di disegnare tutti e 4 i percorsi, in ogni casella disegnata scriverà in alto a destra il numero del round in corso, così da evidenziare bene le caselle disegnate nei round precedenti senza avere più la possibilità di cancellarle. Inoltre, in alto sulla scheda sono presenti 6 percorsi speciali che possono essere usati durante la partita: se ne può usare solo uno per round, e un massimo di 3 a partita. L’usufruirne o meno non dà ne bonus ne deficit quindi se ne avete la possibilità usateli!

Finito il round si rilanciano i dadi e si continua come appena descritto fino ad aver completato 7 round.

Al termine del settimo round la partita termina e si passa al conteggio dei punti. Si prenderanno punti per il maggior numero di uscite collegate, per la strada più lunga, per la ferrovia più lunga e per le caselle centrali della scheda in cui abbiamo disegnato percorsi. Tuttavia si perderanno punti per ogni errore commesso, ovvero per ogni strada o ferrovia incomplete. Sommando il tutto e sottraendo i vari errori chi avrà fatto il punteggio migliore sarà dichiarato il vincitore!


Esempio di una partita in corso


CONCLUSIONI


Partiamo subito analizzando la scatola che si presenta piccola, compatta, portabilissima e di pregevole fattura con chiusura magnetica. I colori con tonalità pastello, sia nella versione blu sia in quella rossa, conferiscono un bellissimo effetto visivo grazie anche a disegni “da bambino”, donando una leggerezza quasi fiabesca all’ambientazione. Piccola chicca che non so in quanti avranno notato: sul retro delle lavagnette è presente un pezzo di paesaggio diverso, e se le collegate tutte insieme formano un lungo disegno molto suggestivo!

Come avete potuto notare le regole sono davvero semplici e assimilabili da tutti in pochissimi minuti. Questo, insieme al potenziale infinito numero di giocatori e all’interazione praticamente nulla, fa si che questo gioco sia adattissimo anche ai neofiti: potete sfoderarlo durante le feste, le cene, i compleanni, sotto l’ombrellone o perché no in prato durante un pic-nic in montagna! Volendo si può giocare anche in solitario cercando di battere il proprio record personale.

Ma ora parliamo delle espansioni. In ogni versione de LE STRADE D’INCHIOSTRO ci sono già all’interno due espansioni costituite da 2 dadi l’una. Aggiungendo i 2 dadi dell’espansione ai 4 bianchi dei percorsi i round di gioco diventano 6 invece che 7 e ci sono altre possibilità di fare punti oltre alle classiche del gioco base, con leggere modifiche alle regole.

Molto sommariamente vado ad illustrarvi ogni espansione.

Versione Blu Profondo:

-dadi fiume: i dadi presentano percorsi di un fiume che non sarete obbligati a disegnare, ma alla fine, se disegnato, il vostro fiume più lungo vi dara punti in base alla sua lunghezza e se ogni sua estremità sarà connessa al bordo della scheda vi darà altri 3 punti aggiuntivi;

-dadi lago: i dadi presentano parti di lago aperte e parti di lago con dei moli che collegano ferrovie e strade. Anche qui non sarete obbligati a disegnare le facce dei dadi lago ma a fine partita prenderete punti per la grandezza del vostro lago più piccolo;

Versione Rosso Fiammante:

-dadi meteora: i dadi presentano distanza e direzione in cui precipiteranno delle meteore che ovviamente distruggeranno i vostri percorsi se cadranno su di essi, interrompendo le reti di connessione. Ciononostante a fine partita si prenderanno punti per ogni strada o ferrovia collegata ad un cratere.

-dadi lava: i dadi presentano parti di un lago di lava. All’inizio della partita dovrete disegnare nella casella centrale della vostra scheda un vulcano, ed è da qui che dovrete partire a disegnare i vari pezzi del vostro lago di lava. Infatti a differenza delle espansioni della versione blu qui sarete obbligati in ogni round a disegnare almeno 1 dei due dadi. In determinate occasioni si potrà anche disegnare un nuovo vulcano da cui far nascere un nuovo lago, oppure cancellare un percorso per far posto alla lava che sta avanzando. A fine partita si prenderanno punti per la grandezza del lago di lava più grande e per il numero di laghi chiusi disegnati sulla scheda.


Il gioco base dà già molte soddisfazioni così com’è ma le espansioni diciamo che danno un po’ di pepe al tutto! Il fiume è abbastanza semplice da gestire, così come anche il lago che però vi darà molte più possibilità di connettere le vostre reti di percorsi e fare ancora più punti. D’altro canto l’obbligo di disegnare almeno 1 dado con la lava che avanza a ogni round mette abbastanza pressione e può mettere molto i bastoni tra le ruote ai vostri piani (anche se a parer mio è l’espansione più stimolante da giocare). Infine la meteora che può distruggervi tutto da un momento all’altro è il caos puro, ma questo dona maggior divertimento al gioco.

Se avete l’occasione giocate a LE STRADE D’INCHIOSTRO, o addirittura compratene una copia da poter portare in giro con voi. Se volete partite più tranquille e rilassanti optate per la versione blu, se invece volete partite un po’ più sentite scegliete quella rossa.

Voi lo avete già provato? Vi è piaciuto? Qual è la vostra espansione preferita? Fatecelo sapere e continuate a progettare strade e ferrovie mentre seguite le nostre recensioni!

Acquista il prodotto su Amazon da questo link per supportarci 😉

Autore: Andrea Del Simone

BIOGRAFIA DELL' AUTORE

Andrea Del Simone (Autore)



Ciao a tutti! Mi chiamo Andrea, ho 31 anni e vivo a Tirano in provincia di Sondrio. La mia passione per i giochi da tavolo nasce quando ero bambino, per poi essere abbandonata causa studio, lavoro ed altre vicissitudini. L'ho ripresa in maniera "seria" da pochi anni e ho deciso di rituffarmi in questo bellissimo mondo. Grazie ad Angelo ho potuto provare a raccontare la mia passione e voglia di giocare con le mie recensioni, cercando di farlo al meglio! Spero che quello che scrivo vi piaccia e porti anche voi a condividere con noi il vostro amore per i giochi da tavolo!